Truffe acquisti online, come evitarle

1. I pericoli delle compere online

Truffe acquisti online,  cosa devono fare gli acquirenti web per non cadere nelle rete dei truffatori web.

Il commercio online può nascondere tanti pericoli, pertanto è consigliabile che l’acquirente web usi cautela. Lo stesso potrebbe cercare informazioni sul venditore e usare modalità di pagamento protetti, per non incappare nelle tanto discusse truffe online.

I comportamenti da adottare per fare compere su internet tranquillamente sono: informarsi sul venditore, il corretto uso del pc online e l’utilizzo di adeguati metodi di pagamento che assicurano il rimborso nell’ipotesi di frodi online.

2.Truffe acquisti online: Informarsi sul venditore

Ricerca esistenza nominativi o aziende
Ricerca Anagrafica : Verifica anagrafica di un’azienda del web o privato. Clicca qui per info

La prima cosa da fare per non cadere nelle insidie telematiche, è procurarsi quante più notizie sul venditore.

In svariati casi le truffe online, vengono fatte da gente comune contrariamente a ciò che si crede e non quindi da criminali specializzati.

Le frodi via web possono essere descritte come inganni telematici. Vengono organizzate attraverso false notizie mirate ad attirare clienti con poca esperienza e che quindi che non si accorgono dei rischi celati nel web.

L’acquirente, per questa ragione prima di comprare qualcosa, deve fare alcune ricerche. Ricerche che se fatte in maniera accurata, sono in grado di far scoprire la truffa.

Queste ricerche sono: controllo della partita iva, sede dell’attività, il numero di contatto, informazioni che dovrebbero essere già presenti nelle inserzioni del venditore.

Utile sarebbe inoltre, chiedere notizie ad altri acquirenti web, esistono degli spazi web che permettono di fare recensioni sulla merce o sull’impresa. In questo modo si possono avere notizie sull’attendibilità del venditore.

3. Uso appropriato del computer

Una seconda condizione che aiuta a proteggere le compere online, è un computer correttamente utilizzato e preservato.

E’ fondamentale usare un antivirus che è capace di riconoscere siti web che possono fare danni. Ci danno informazioni sulla dannosità dell’utilizzo degli stessi.

I recenti antivirus in automatico fanno ricerche magari circa la brutta considerazione del sito, se è non conosciuto, o se è il caso di usare con prudenza.

Quindi la regola essenziale quando si acquista via web, è avere sempre aggiornato il nostro pc, così dascongiurare frodi online.

In più è necessario utilizzare un browser ovvero un programma di navigazione adeguato ed attendibile, che ci possa dare notizie sulla pagine web che stiamo vedendo. Quando accediamo ad una pagina web, dobbiamo controllare che vicino al link ci sia sempre un lucchetto nonchè la dicitura “sicuro” oltre che https finisca sempre con la “S” che indica Security ed è in verde.

Tutti questi accorgimenti garantiscono che il sito web che visitiamo è sicuro, in quanto indicano che è originale e non falsificato, pertanto è assicurata la segretezza dei dati e delle azioni fatte su di esso.

Quando visitiamo un sito web è fondamentale notare l’esistenza di questi segni per una sicura navigazione. Contrariamente se ci sono dei simboli rossi , ad esempio “connessione non sicura” oppure indirizzo http barrato, è consigliabile non visitarlo poichè potrebbe essere una truffa acquisti onlilne.

4.Truffe acquisti online: Metodi di pagamenti

La cosa importante per fare acquisti in rete è la modalità di pagamento e delle garanzie previste in caso di frode telematica.

L’elemento principale per effettuare acquisti online è costituito dalla scelta del metodo di pagamento e dalla sicurezza prevista in caso di truffa telematica.

Quello più sicuro è il metodo PayPal che da garanzie circa il pagamento e all’eventuale recupero delle somme pagate in caso di problematiche.

Con PayPal si possono fare pagamenti senza dare al rivenditore i dati della propria carta di credito, conto corrente. Solo a PayPal sono noti questi dati, invece cliente e venditore vengono identificati tramite il nome di chi ha il conto, tranne che per dati riservati.

Queste misure difendono il cliente da eventuali frodi internet. Consentendo inoltre di fare una contestazione a 180 giorni dall’acquisto, se non si è ricevuto l’articolo oppure non rispecchi quanto indicato dal venditore, per cercare un intesa bonaria. Se non si raggiunge l’intesa, entro 20 giorni il cliente può contestare interpellando PayPal che appurata l’inadempienza effettua rimborso.

Altri metodi sicuri di pagamento sono le carte prepagate, di credito, contrassegno,bonifici, mezzi molto usati in internet ma che rispetto a PayPal, non danno garanzie sui pagamenti e i rimborsi.

La prepagata è più opportuna in quanto si ricarica solo in relazione alla somma dovuta per l’acquisto, quindi in caso di truffa ci si rimette solo quella. Diversamente le carte di credito hanno a che fare con il conto corrente del cliente, quindi possono essere clonate ed il conto svuotato.

Il bonifico è molto usato ma privo di garanzie rispetto ad eventuali recuperi per truffa poichè la banca soggetto terzo rispetto alla truffa. L’acquirente quindi si potrà rifare solo sul falso venditore, cosa molto difficile.

Ultimo il contrassegno, permette il pagamento solo alla consegna dell’articolo ma anche questo rischioso. Lo stesso va effettuato prima di aprire la merce e dunque solo in seguito alla consegna si capirà se è una truffa e quindi che non trattasi dell’articolo comprato. Il recupero delle somme avviene in tempi molto lunghi.

5. Rivolgersi alle forze dell’ordine

Se dopo aver acquistato in rete si capisce di essere stati truffati, bisogna fare denuncia alla polizia postale nel termine di 90 giorni da quello in cui è avvenuta la scoperta.

Gli acquirenti web, possono fare segnalazioni alla polizia di siti di dubbia correttezza. In questo modo saranno effettuati i dovuti accertamenti mirati a scoprire eventuali illegalità.

L’acquirente non solo può fare querela ma anche richiedere gli importi pagati ed altresì altri danni subiti, in caso di citazione del venditore causa inadempimento contrattuale.

Fonte: Avvocato Flash

Lascia il tuo commento

Please enter your name.
Please enter comment.