Assenteismo - Assenze ingiustificate - furbetti del cartellino

Assenteismo: Marcavano il cartellino e dopo si recavano al mare. In Provincia di Foggia 8 persone arrestate all’Asl.

Dipendenti impegnati in compere, conversazioni al bar e addirittura una giornate in spiaggia nelle ore di lavoro.

Otto lavoratori appartenenti all’Asl di San Severo nel foggiano sono stati tratti in arresto con l’accusa di assenteismo. Anche un noto primario tra questi ed una responsabile della struttura è stata esonerata dalle sue funzioni.

Assenteismo - infedeltà lavorative - Furbetti del cartellino
Assenteismo infedeltà lavorative – Clicca qui per info

I dipendenti accusati di assenteismo sono finiti  ai domiciliari perché accusati di frode nei confronti di un’istituzione pubblica.

La guardia di finanza ha svolto l’inchiesta diretta dalla procura, ricostruendo ciò che succedeva nell’azienda. False presenze per un totale di 5.300 ore incominciate nel 2014.

Gli inquisiti marcavano il cartellino e dopo uscivano dalla struttura ospedaliera.

Tra loro c’era chi coadiuva la gestione del bar di famiglia, chi si incontrava con conoscenti e parenti mentre addirittura un tecnico esperto passava il suo tempo in lidi balneari postando pure fotografie sui social. Il tutto si verificava negli orari lavorativi.

Tra gli indagati c’è persino il primario imputato di lasciare il posto di lavoro a pomeriggi interi andando a passeggiare  oppure ritornava a casa. Lo stesso all’occorrenza faceva credere di aver effettuato visite specialistiche con straordinari per ridurre le liste di attesa.

Gli assenteisti personalmente oppure aiutati da altri dipendenti preposti alla gestione delle informazioni nella banca dati dell’ospedale, modificavano i dati delle presenze.

Un altro lavoratore fingeva di aver scordato il cartellino, tante volte faceva confermare la sua presenza dal dirigente con documentazione in cui figurava a lavoro mentre in realtà non era così.

Ad inchiodarli i video delle telecamere nascoste nel mentre timbravano il cartellino.

Ricerche approfondite come indica la guardia di finanza, hanno dimostrato che molti dipendenti si facevano passare per presenti benchè fossero fuori dal luogo di lavoro.

La guardia di finanza diretta dalla procura è intervenuta ieri mattina dietro ordine del gip del tribunale foggiano. Gli investigatori rendono noto che le indagini hanno permesso di individuare valide prove nei confronti di nove inquisiti. Più specificamente ad avere problemi non solo primario e dirigente ma anche 5 assistenti amministrativi una commessa nonché un tecnico.

Fonte: La Stampa www.lastampa.it

Lascia il tuo commento

Please enter your name.
Please enter comment.